Territorio di Serrara Fontana


 

Il comune di Serrara Fontana nasce dalla fusione dei centri abitati di Serrara (capoluogo) e di Fontana, lungo le pendici del monte Epomeo, a circa 360 m sul livello del mare con un’economia prevalentemente agricola. Tuttavia il territorio comunale si compone anche di diverse frazioni e località. La più rinomata è Sant’Angelo, piccolo borgo di pescatori: è tra i posti più belli ed affascinanti dell’isola ed è diventato un centro turistico di primo piano, quasi esclusivo. Non a caso, la cosiddetta Torre di Sant’Angelo, un enorme masso tufaceo legato al resto dell’isola da un piccolo istmo, è oggi il simbolo dell’intero comune montano. Alcuni dei nomi dei luoghi indicano la presenza dell’uomo fin dalla preistoria, avvalorato anche dai reperti archeologici, che vanno dall’età del ferro al periodo della Magna Grecia, a quello ellenistico per giungere al Medioevo. Il nome della località Calimera, ad esempio, deriva dal grecokalè emera, in italiano “buongiorno”, poiché è questo uno dei primi siti dell’isola ad essere irraggiato dal sole nascente. Al Medioevo, invece, risale il nome Fontana, dovuto alla presenza di una copiosa fonte d’acqua potabile, intorno alla quale dovette sorgere il casale. Fonte che i più riconoscono nella fonte di cava di Pallarito e che fu distrutta da una frana circa 200 anni fa. Il nome Serrara, invece, è più recente e significa “montuoso”. Compare ufficialmente insieme all’abitato con la fondazione della Parrocchia nel 1641. Il comune offre tante cose interessanti da vedere, come nell’abitato di Fontana, la chiesa parrocchiale di S. Maria la Sacra, costruita nel 1374, a S. Angelo la chiesetta di San Michele Arcangelo elevata a Parrocchia nel 1923, o sul monte Epomeo l’eremo di San Nicola con annessa la chiesetta, entrambi scavati nel tufo verde antecedente al 1459. Ma queste non sono le sole costruzioni scavate nel tufo, infatti, sparse un po’ per tutto il comune, è possibile trovare caratteristiche e particolari costruzioni adibite ad abitazioni e a cantine scavate nel tufo che ha la proprietà di mantenere una temperatura gradevole sia nel periodo invernale che in quello estivo. Percorrendo invece la mulattiera che parte proprio dalla piazzetta di Fontana, si può giungere sulla cima del Monte Epomeo e visitare la chiesetta di San Nicola con annesso eremo. Attraversato quest’ultimo, pochi gradini ricavati da un masso tufaceo permettono di accedere ad una piccola postazione da cui godere una vista a 360° sul golfo di Napoli. Secondo gli studiosi, infatti, il nome Epomeo deriva dal verbo irregolare greco orao (vedere). Epomeo significherebbe dunque io vedo – guardo intorno.