Da Ischia Ponte a Cartaromana

0 Comments


La nostra passeggiata ha inizio da Via Seminario, sita all’ingresso di Ischia ponte. Una volta partiti, si percorre per l’antico borgo formato da palazzi risalenti al VIII secolo. Giunti alla chiesa dello Spirito Santo, la prima chiesa posta sulla destra lungo il cammino, bisogna imboccare la scalinata semi-nascosta che ha inizio dove termina la parete della chiesa. Si tratta di via Soronzano, un’antichissima strada pedonale che conduce alla zona di Cartaromana. Proseguendo per tale strada si scorge un panorama sensazionale, per la possibilità di osservare dalle spiagge del lido, all’abitato di Ischia ponte fino al Castello Aragonese. Continuando il tragitto, è possibile sentire il profumo intenso degli aranceti coltivati in detta zona. Via Soronzano termina con l’arrivo su via Cartaromana.?Arrivati a tale punto si dovrà imboccare la destra e prendere la strada in salita, Via Gianbattista Vico, che conduce verso San Michele un?antica frazione di Ischia. A circa metà della salita, sulla sinistra si trova un’ampia strada, via Cilento, la quale percorrendola, porta al cimitero comunale. La zona è chiamata San Domenico, nome derivato dalla chiesa che si trova nelle vicinanze. Oltrepassata l’ingresso del cimitero, continuando a camminare lungo la stradina in discesa, dopo qualche metro si arriverà davanti ad un panorama marino affascinante. Una volta percorso tutto il tratto asfaltato, si giunge ad una stradina pedonale circondata da campi in fiore, fino ad arrivare a larghi scaloni in pietra lavica che lastricano il percorso. Alla fine del tragitto si raggiunte la spiaggia di Cartaromana, una spiaggia dalle modeste dimensioni, ma abbastanza bella. Il Sole, a causa della parete rocciosa a destra, tramonta prima del previsto, ma vi è la possibilità di potersi immergere nelle vasche termali naturali di acqua calda sorgiva, dove in certe giornate di correnti favorevoli si formano delle piscine caldissime. L’acqua di Cartaromana è molto salubre ed è ricca di minerali, mentre si è a mollo, è possibile fare delle maschere di fango strofinando due pietre tra di loro, ricavando cosè piccole dosi di fango termale che applicato sulla pelle ha un forte potere restringete. Uno spazio relax and beauty termale ad Ischia completamente gratuito, con un magnifico paesaggio dovuto dagli scogli di sant’Anna e dal castello Aragonese. Da Cartaromana in estate i gozzi di legno effettuano taxi boat con Ischia ponte, avendo la possibilità di scegliere di tornare a casa in barca.


 

 

 

 

 

 

Lascia un commento